Categorie
Configurazione gestionale

Configurazione prodotti: attributi d’istanza, BOM. Esempio di gestione produzione.

In questo articolo descriveremo brevemente come configurare un’anagrafica prodotto con attributi d’istanza e BOM. Dopo di che procederemo con degli esempi operativi quali entrata merci e gestione della produzione.

Entrando dalla sezione gestione materiali sulla maschera prodotto compare una finestra come nella figura sottostante.
Impostiamo come codice e chiave di ricerca productA. Ogni prodotto può essere associato ad un listino prezzi (di acquisto o di vendita). Per vedere la configurazione dei listini esiste un articolo dedicato nella sezione in pratica di questo portale.

Tralasciando tutti gli altri campi da configurare che vedremo su altri articoli di questo portale ci concentriamo sul campo attribute set.

Il campo attribute set consente di impostare gli attributi dei prodotti in modo da distinguerne le istanze. Ad esempio, del productA prevedo che esistano diversi colori oppure diversi numeri di serie. Se volessi gestire i miei prodotti in questo modo allora dovrò configurare gli attributi del prodotto. Ogni istanza del prodotto avrà quindi i suoi attributi in modo da poterli distinguere in tutto il sistema gestionale. Più avanti faremo un esempio per far capire meglio cosa intendiamo.

Sulla maschera prodotto fare click con il tasto destro sul campo Attribute set. Apparirà una finestra serie di attributi come nella figura sottostante. In questa maschera è possibile configurare gli attributi del prodotto.
Nel nostro esempio vogliamo distinguere i prodotti soltanto con il numero di serie. Per fare ciò basta abilitare il campo serial No come in figura. Da questa finestra è possibile configurare anche attributi personalizzati come il colore, le dimensioni…a seconda delle tipologie dei prodotti.

Fare click con il tasto destro del mouse sul campo Serial No control. Si aprirà una maschera come in figura sottostante.
Da questa finestra è possibile dare delle regole di controllo per il numero seriale: il numero di partenza e l’incremento per il numero successivo. E’ poi possibile definire dei prefissi o suffissi standard per ogni numero.

Finita questa configurazione è possibile tornare sulla schermata del prodotto iniziale ed impostare, dopo un refresh del campo, su attribute set il valore appena creato numero di serie.

Cliccando sul TAB BOM possiamo definire i componenti BOM del prodotto productA. Nel nostro esempio vogliamo inserire due componenti con nome prodottoA1 e prodottoA2 in modo che prodottoA sia composto da 1 quantità del componente prodottoA1 ed 1 quantità del componente prodottoA2.
Questa maschera agevola l’inserimento dei componenti grazie alla sezione components che riproduce le stesse caratteristiche di una finestra Adempiere. In questo modo possiamo creare più righe per il productA nella stessa maschera.
Clicchiamo su nuovo record dalla finestra dei componenti ed inseriamo il prodotto prodottoA1 impostando sul campo quantità il valore 1. facciamo la stessa cosa per il prodottoA2.
Nelle due figure successive un esempio delle operazioni appena commentate.

Una volta terminata la configurazione dei BOM, dal TAB riapprovvigionamento, possiamo configurare una politica per il riapprovvigionamento del productA. E’ possibile impostare sul campo replenishment type il tipo di riapprovvigionamento da voler utilizzare: manuale, tenere livello massimo, riordinare solo livello minimo oppure personalizzato.
Nel nostro esempio adottiamo tenere livello massimo ed impostiamo i valori minimi di stock a 10 e quelli massimi a 30.

Una volta conclusa questa configurazione possiamo fare delle prove operative all’interno del gestionale. proviamo a registrare un ingresso in azienda del productA.
Entriamo nel solito documento di entrata merci, creaiamo un nuovo documento ed entriamo nelle linee di entrata merci.
A questo punto nel campo product selezionare il productA. La prima differenza delle nostre configurazioni la visualizziamo cliccando sul campo: attribute set instance.

Si aprirà così una maschera come in figura sottostante. Il sistema ci chiede di inserire il numero di serie del prodotto che stiamo per intromettere nel gestionale.
Questo perchè nell’anagrafica del productA gli abbiamo definito una serie di attributi da associare a questo prodotto. Gli attributi nel nostro caso equivalgono soltanto al numero di serie.
Per default il sistema abilita il campo new record ad indicare che stiamo per intromettere nel sistema una nuova istanza del prodotto productA.
Impostiamo il numero di serie e confermiamo.

Sulla maschera della linea di entrata merci verrà vissualizzato il numero di serie del prodotto compreso il prefisso iniziale come precedentemente configurato.

completando il documento di entrata merci possiamo individuare l’istanza di prodotto appena creata attraverso la solita maschera informazioni prodotto.

Come possiamo vedere dalla figura sottostante esiste una quantità disponibile del productA. Questa è la quantità appena fatta entrare.
come facciamo a sapere di quale istanza del prodotto si sta parlando?

Se proviamo a cliccare sull’ultimo pulsante in basso a sinistra…(a fianco al simbolo della stampante)

si aprirà la finestra come in figura sottostante. Da questa finestra possiamo visualizzare tutte le istanze del prodotto productA compresa l’istanza con il numero di serie appena inserita.

Da adesso questa istanza di prodotto verrà individuata in tutte le transazioni in base al suo numero di serie. Con questa configurazione si migliora notevolmente la tracciabilità dei prodotti.

Proviamo adesso a pianificare in maniera molto semplice una produzione del productA.
Dalle configurazioni fatte inizialmente avevamo impostato due componenti BOM per questo prodotto ciascuno con quantità 1.
Apriamo la maschera produzione dalla sezione gestione materiali come si vede in figura.
Impostiamo sul campo name produzione prodA per indicare il nome della pianificazione.

Dopo di che selezioniamo il TAB piano di produzione ed impostiamo il valore productA nel campo product.
Nel campo production quantity impostiamo 3. Questa sarà la quantità che produrremo attraverso questa pianificazione.
Sul campo locator impostiamo il valore del magazzino in cui verrano inseriti i prodotti appena creati.

Tornando sulla testata di produzione possiamo cliccare sul pulsante create/post production in modo da rendere effettiva la produzione.
Si aprirà una finestra come in figura sottostante.
Provando ad abilitare il campo product quantity must be in stock il sistema non crea alcuna produzione fino a quando tutti i componenti siano effettivamente disponibili a stock.
Nel nostro esempio non abilitiamo questo campo in modo tale da permetterci di creare il productA anche se i suoi componenti non sono a magazzino.
Confermiamo il tutto.

Entrando nel TAB linea di produzione della stessa maschera possiamo individuare tre righe (vedi figura sottostante):
la prima è relativa al productA appena creato. Possiamo notare che il campo movement quantity è impostato a 3 ad indicare che sono state appena prodotte 3 quantità del productA.
Le altre due righe riguardano i componenti del productA con le relative quantità in negativo. Tutto questo sta ad indicare che dopo la produzione sono state utilizzate 3 quantità per ogni componente sulla base delle proporzioni precedentemente configurate nei BOM.

Se apriamo infatti la finestra sulle informazioni prodotto possiamo notare le 3 quantità appena create per productA ed in rosso le quantità in negativo dei componenti prodottoA1 e prodottoA2.