Social network, internet e gestione dell’informazione a vantaggio dell’impresa

In questo articolo vogliamo ragionare sui nuovi fenomeni tecnologici che hanno preso piede, oramai da tempo, a livello mondiale.

Proviamo ad inserire queste tecnologie in un contesto aziendale per capire se, un domani, possono esserci vantaggi imprenditoriali da cogliere al volo.


Un fattore determinante di queste tecnologie è, come ovvio, la possibilità di essere in contatto con una grandissima quantità di utenti in brevissimo tempo. E’ per questo motivo che vengono chiamati “Social Network”.
A livello di marketing questo fenomeno ha già fatto registrare degli enormi vantaggi ma come può essere sfruttato all’interno dei processi aziendali?
Il vantaggio pratico dei “social network” è la possibilità di comunicare in tempi brevissimi sia all’interno che all’esterno di un’azienda. Una piccola e media impresa che aveva la necessità di comunicare “velocemente” con i suoi collaboratori conosce già come sfruttare nel migliore dei modi tecnologie, comunque efficienti, come posta elettronica, mailing list, o il classico telefono aziendale.
La vera scommessa può essere invece la gestione dell’enorme quantità di informazione che ne deriva dalla fruizione di internet (come strumento di acquisizione contenuti) o dalla comunicazione attraverso social network. Cosa fare per “migliorare” la conoscenza aziendale attraverso le nuove forme di comunicazione?
Internet può essere visto come un’arma a doppio taglio. E’ possibile individuare una grossa quantità di informazioni ma che, se non si hanno gli strumenti giusti per gestirla, potrebbe essere dannosa e controproducente. E’ facile trovare notizie false oppure non prioritarie rispetto alle vere necessità aziendali.

Un’azienda, tuttavia, non dovrebbe limitare l’uso di queste tecnologie, bensì, offrire agli utenti utili strumenti per poter gestire ed individuare le informazioni corrette per le reali necessità aziendali.

Si possono organizzare corsi per gli utenti su come sfruttare i vantaggi dei “social network” e di internet, come poter individuare subito le informazioni importanti per l’azienda, dare una lista dei siti utili e consigliati aziendali. Insomma, cercare di integrare con una certa metodologia queste tecnologie all’interno dei processi aziendali per non arrestare il naturale adeguamento informatico (che prima o poi avverrà) dell’azienda con il resto del mondo. A tal proposito bisogna ricordarsi che una volta le aziende non usavano i PC ma con il passare del tempo e con l’inserimento delle nuove generazioni di collaboratori che lavoravano più abilmente con un PC tutte le aziende si sono dovute adeguare a questo cambiamento.

Spendiamo ora due parole in merito ai “social network” (visto che sono al centro delle attenzioni come vero fenomeno sociologico degli ultimi tempi).
Il “social network” offre caratteristiche tecnologiche migliori di una semplice posta elettronica ma, in molti casi, l’esigenza aziendale di questo tipo (mettere in contatto in tempi e costi ridotti i collaboratori) è già abbastanza coperta da altre tecnologie.
Come, allora, potrebbe intromettersi all’interno di un’organizzazione aziendale questo fenomeno tecnologico? e ciò risulta vantaggioso per le aziende?
Oggi giorno molte aziende proibiscono o limitano la fruizione dei “social network” negli orari di lavoro.
Dal nostro punto di vista il “social network” è una tecnologia oramai molto diffusa tra le persone e sopratutto tra i giovani. I giovani si sono abituati a comunicare attraverso queste tecnologie, sanno come comportarsi in un social network, hanno già acquisito un identità virtuale riconosciuta dagli altri utenti e capiscono come recuperare le informazioni (di qualsiasi tipo) in maniera molto veloce.
Questa generazione di giovani lavoreranno un domani nelle vostre aziende e, in molti casi, questo modo di comunicare potrebbe favorire la ricerca delle informazioni anche al di fuori delle mura aziendali. Limitare i nuovi dipendenti semplicemente ad un modello di fruizione dei dati di “vecchio stampo” radicato da anni in azienda potrebbe rallentare di molto il “naturale” processo di informatizzazione (al quale prima o poi ci si dovrà adeguare).
Agevolare l’utilizzo dei nuovi fenomeni tecnologici all’interno dell’azienda, magari definendo anche delle linee guida su come si utilizzano, potrebbe portare invece ad una veloce informatizzazione aziendale senza vincoli di alcun tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *