Videosorveglianza economica e sicura

Prima di partire per le vacanze estive ho pensato che sarebbe stato utile creare una videosorveglianza in modo da poter controllare la casa anche a centinaia di chilometri di distanza.

La mia idea era di installare una webcam in un punto strategico della casa e, grazie al mini-pc raspberry ed al software opensource Motion (in grado di captare i movimenti in casa), di ricevere le foto direttamente sul mio smartphone attraverso l’applicazione telegram.

Per la buona riuscita del progetto è necessario dotarsi di:

  • raspberry
  • connessione internet
  • creazione account telegram
  • creazione di un bot che invia automaticamente le foto al tuo smartphone (ovviamente per motivi di privacy non è possibile utilizzare il bot creato da me).
  • webcam collegata al raspberry
  • installazione telegram sul proprio smartphone

 

wp-1474114066957.jpg

in particolare ho utilizzato i seguenti prodotti (in tutto sono all’incirca 100 euro escluso lo smartphone)

 

 

una volta che l’hardware è stato correttamente installato (si tratta semplicemente di collegare la ethernet e la webcam al raspberry) si dovrà procedere con la configurazione del software:

  1. installazione motion sul raspberry
  2. creazione di un bot scrivendo al botFather di telegram
  3. configurazione del software motion

 

wp-1474114044207.jpg
attivazione videosorveglianza attraverso TAG NFC

Si potrà attivare e disattivare la sorveglianza in qualsiasi momento utilizzando le funzionalità web di motion.

Al termine della configurazione, ogni volta che qualcuno tenta di passare davanti la webcam, partirà una foto istantanea direttamente sul tuo smartphone.

allarme intrusione con foto sullo smartphone attraverso telegram
allarme intrusione con foto sullo smartphone attraverso telegram

Se sei interessato ai dettagli del progetto saremo lieti di inviarti i file di configurazione iscrivendoti alla nostra newsletter o direttamente al blog.

Altrimenti puoi visitare il sito www.interofthings.com e chiedere un preventivo del progetto chiavi in mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *