Archivi tag: configurazione

Software per i conteggi di lavoro

Scheda prodotto e prezzi: Software per i conteggi di lavoro

Revisio

Revisio è il software per i conteggi di lavoro. Calcola le differenze retributive (crediti di lavoro) al lordo e al netto nell’ambito delle vertenze di lavoro. Flessibile, facile da usare, è uno strumento indispensabile per consulenti del lavoro, sindacati e avvocati giuslavoristi. Mediante una procedura guidata l’utente può facilmente impostare i criteri secondo i quali un conteggio dovrà essere eseguito. Revisio include una banca dati dalla quale ricava automaticamente le tabelle retributive, i divisori, il n° delle mensilità aggiuntive, le maggiorazioni del lavoro ordinario e straordinario, le aliquote INPS e IRPEF, ecc… Vengono calcolati automaticamente gli assegni familiari, le ritenute previdenziali e fiscali, l’accantonamento e l’importo netto del TFR, le rivalutazioni delle differenze retributive.

Il software non necessita di installazione: è sufficiente estrarre la cartella contenuta nel file “revisio.zip” e lanciare l’eseguibile.

             Scarica la Demo Gratuita    

Schermata iniziale: da cui è possibile creare un nuovo archivio di conteggi o aprirne uno precedentemente salvato.
Wizard impostazione parametri: Inseriti i dati del lavoratore, parte la procedura che guida l’utente nell’impostazione dei parametri utili al conteggio. In questa schermata vengono inserite le date di inizio e fine conteggio, assunzione ed eventuale licenziamento e se si intende effettuare il calcolo al lordo o al netto.

 

Inquadramento: Definizione dei livelli d’inquadramento del lavoratore. Il software segnala, relativamente alla categoria contrattuale selezionata, eventuali cambiamenti della classificazione.
Voci dei cedolini: Scelta delle voci che costituiranno il cedolino. L’utente può aggiungere voci che non sono già proposte automaticamente.
Modalità di calcolo delle voci: Sulla base delle impostazioni definite nei passi precedenti, il programma individua automaticamente i divisori e gli importi della retribuzione. L’utente è libero di modificare tali importi o aggiungerne di propri. Inoltre è possibile definire i criteri di calcolo delle voci del corpo del cedolino
Impostazione degli orari di lavoro settimanale
Calcolo del netto: E’ possibile impostare le modalità di calcolo dell’imponibile previdenziale, dell’imponibile fiscale e delle detrazioni. Revisio determina automaticamente le aliquote previdenziali (relative al lavoratore e al datore) nonché le aliquote fiscali.
TFR, Differenze e rivalutazioni: Il programma consente di specificare le voci utili per il calcolo
dell’imponibile TFR. Al fine del calcolo delle differenze retributive e delle rivalutazioni, l’utente può inserire gli importi percepiti dal lavoratore.
Esecuzione del conteggio
Esito finale: Nella sintesi del conteggio, vengono mostrati i totali del lordo e del netto dei cedolini, l’accantonamento ed il netto da percepire del TFR, il totale della rivalutazione delle differenze retributive.
 

 

Cedolini: L’utente può consultare ciascun cedolino del conteggio e modificarne, eventualmente, i dati.
Grazie alla flessibilità del programma, è possibile aggiungere o eliminare elementi che costituiscono la struttura del cedolino

 

Trattamento di fine rapporto: La finestra mostra i dettagli del calcolo dell’accantonamento e dell’importo netto da percepire.
Stampe: riepilogo conteggio, dati cedolini, rivalutazione differenze, TFR.

Esempio di stampa

 

 

Requisiti software: Sistemi operativi: Win 8, Win 7, Win Vista, Win XP. Software di base: Microsoft .NET Framework 2.0 Note: La versione Demo non necessita di installazione. E’ sufficiente estrarre la cartella contenuta nel file “Revisio.zip” e lanciare l’eseguibile.

 

Scheda prodotto e prezzi: Software per i conteggi di lavoro

Configurazione su misura di un gestionale integrato

Su questo portale è stato già ampiamente discusso il motivo per cui è molto più vantaggioso inziare un qualsiasi progetto informatico attraverso un gestionale integrato piuttosto che con un software costruito ad-hoc.
Continua a leggere

Terzo passo. Come adattare, per esigenza di mercato, un processo aziendale in un gestionale

La prima configurazione da effettuare è l’inserimento di un nuovo stato del processo. Per fare questo accedere dal menù principale di amministratore sulla finestra “stati di processo aziendale”.

Massima flessibilità di configurazione dei processi aziendali

Ipotizziamo che il processo di vendita da noi configurato sul paragrafo Come configurare un processo aziendale con un ERP dovrà subire, per esigenze di mercato, dei cambiamenti. In che modo il sistema gestionale si adatterà ai cambiamenti?
Nella maggior parte dei casi il cambiamento sul gestionale avviene in maniera molto lenta, costosa ed alcune volte saranno i processi operativi aziendali a doversi adattare al sistema per essere supportati.
Vi mostriamo come con il “configuratore di processo” verranno rispettate:

  • Massima velocità di adattamento del sistema
  • costi bassi di configurazione, visto che nella maggior parte dei casi vengono gestite a livello utente
  • modifiche a caldo sui processi operativi

Supponiamo che il processo di vendita  da noi configurato subirà una modifica tale per cui dallo stato “preparazione ordine”  il processo dovrà necessariamente andare in “approvazione ordine” da parte del responsabile acquisti.
L’approvazione sarà eseguita manualmente ma il sistema deve bloccare l’approvazione qualora la quantità del prodotto risulta essere maggiore di 5. Dopo l’approvazione allora il processo può essere inserito sul documento di vendita.
Il flusso sarà strutturato in questo modo (in rosso le modifiche dal processo iniziale):

continua la lettura con l’articolo successivo per la guida pratica.

Secondo passo. Creazione processi aziendali /2

Facciamo un altro esempio.
Generiamo un nuovo processo aziendale e chiamiamolo  “esempio processo di vendita 3”.

  • Prima di ripetere le stesse operazioni eseguite precedentemente eseguiamo un “entrata merci” del “productA” per avere maggiori disponibilità in magazzino. Come si vede dalla figura successiva il “productA”  possiede una disponibilità in magazzino pari a 14.
  • Compiliamo il campo relativo al “cliente

Continua a leggere